🍟 AFFRONTARE L'OBESITÀ: MOLTE PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Come mantenere la linea durante le feste: 7 consigli della dietista per gustare senza sensi di colpa

Come mantenere la linea durante le feste: 7 consigli della dietista per gustare senza sensi di colpa

Le festività natalizie si avvicinano e, con esse, anche le tentazioni culinarie che spesso portano a sensi di colpa e chili di troppo. La dottoressa Federica Grandi, esperta dietista del Centro per i disturbi alimentari del Policlinico San Pietro, condivide sette consigli pratici per godere dei pranzi e delle cene senza rinunciare alla linea.

1. Scegliere con saggezza

Durante i numerosi pranzi e cene, è fondamentale fare scelte oculate. La dottoressa Grandi suggerisce di privilegiare secondi piatti come carni o pesci, accompagnati da porzioni moderate di verdura e carboidrati. Evitare i primi piatti elaborati fuori casa contribuisce a controllare l’apporto calorico. Limitare l’alcol a uno o massimo due calici a pasto aiuta a risparmiare calorie vuote.

2. Controllare la fame

Iniziare il pasto con un’insalata fresca condita con olio extravergine può placare la fame senza appesantire. Ridurre gli spuntini a frutta e yogurt bianco durante la giornata, mantenendosi idratati con tisane senza zucchero, contribuisce a tenere sotto controllo la fame.

3. Gestire gli avanzi

Nei giorni non festivi, mantenere un’alimentazione bilanciata frazionando la giornata e includendo carboidrati, proteine e verdure in ogni pasto. Evitare di trascinare ai giorni successivi porzioni avanzate da pasti festivi complessi.

4. No ai digiuni pre e post ‘abbuffata’

Evitare digiuni strategici prima di pasti importanti o dopo pasti abbondanti. Il digiuno potrebbe aumentare l’appetito, portando a eccessi alimentari. Invece, optare per pasti leggeri come verdure con pane o zuppe dopo un pasto sostanzioso.

5. Più passeggiate, meno rinunce

Aumentare l’attività fisica durante le festività può bilanciare l’introito calorico. Passeggiate dopo pranzo e cena o sfide quotidiane alla Wii Fit possono essere divertenti modi di bruciare calorie in compagnia.

6. Dolci natalizi: panettone o pandoro?

La scelta tra panettone e pandoro dipende dalle preferenze personali. Entrambi contengono quantità simili di proteine e carboidrati, ma il pandoro è più ricco di grassi saturi. Limitare il consumo di dolci natalizi e preferire quello che si ama di più, consumandolo con moderazione.

7. Frutta secca come snack salutare

La frutta secca, come arachidi, mandorle e noci, può essere uno spuntino sano durante le festività. Consumarla tra i pasti principali al posto di dolci contribuisce a mantenere il controllo calorico. Seguire le Linee Guida per una sana alimentazione, limitando le porzioni a 20-30 grammi, 2-3 volte a settimana.

Questi consigli della dottoressa Grandi offrono un approccio equilibrato per godere delle festività senza sensi di colpa eccessivi e senza compromettere la linea.

Il ruolo cruciale del dietologo e del nutrizionista

Nel percorso verso uno stile di vita sano, il supporto professionale del dietologo e del nutrizionista diventa fondamentale. Queste due figure, sebbene spesso utilizzate in modo intercambiabile, differiscono nei loro approcci e nelle loro competenze.

Il dietologo è un medico specializzato nella diagnosi, prevenzione e cura delle patologie legate all’alimentazione. Possiede una formazione medica completa e può prescrivere farmaci e trattamenti specifici. Il dietologo si occupa di individuare le condizioni patologiche legate all’alimentazione, come il diabete o le malattie cardiovascolari, e suggerisce interventi terapeutici mirati.

D’altra parte, il nutrizionista è un professionista specializzato nella scienza dell’alimentazione. Ha una formazione più incentrata sugli aspetti nutrizionali e comportamentali dell’alimentazione. Il nutrizionista lavora spesso nell’ambito della prevenzione, promuovendo stili di vita sani attraverso piani alimentari equilibrati. Fornisce consulenze personalizzate, educando le persone su scelte alimentari adeguate alle loro esigenze.

In sintesi, mentre il dietologo si occupa principalmente di patologie legate all’alimentazione, il nutrizionista si concentra sulla promozione della salute attraverso la corretta alimentazione. Entrambe le figure sono complementari, offrendo un approccio completo per garantire benessere e salute attraverso una corretta gestione dell’alimentazione. Consultare entrambi può essere particolarmente utile per chi desidera adottare abitudini alimentari più salutari e personalizzate.

Leggi anche:

Scopri le 10 fonti di ferro da includere nella tua dieta per combattere la carenza di ferro

Dimagrire in modo salutare con una dieta fatta di alimenti ricchi di grassi