🍟 AFFRONTARE L'OBESITÀ: MOLTE PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Sussidi INPS per orfani: guida alla domanda e requisiti per scuola e università

Sussidi INPS per orfani: guida alla domanda e requisiti per scuola e università

Il 4 dicembre 2023 ha segnato l’avvio delle domande per accedere ai sussidi INPS destinati agli orfani che frequentano la scuola e l’università. Questi sostegni economici, pubblicati nel bando dell’INPS, variano da 150 a 1.410 euro a seconda dell’ISEE e del livello scolastico o universitario. Rivolti ai figli dei dipendenti del Gruppo Poste Italiane e degli ex-dipendenti IPOST, i sussidi coprono diverse fasi dell’istruzione, dalla scuola dell’infanzia all’università.

Cosa sono i sussidi orfani per scuola e università

I sussidi INPS per orfani scuola e università rappresentano aiuti economici erogati ai figli dei dipendenti del Gruppo Poste Italiane e degli ex-dipendenti IPOST. Il bando, pubblicato il 4 dicembre 2023, prevede contributi per l’iscrizione e la frequenza di asili nido, scuole dell’infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di primo e secondo grado, università, conservatori e istituti musicali. Le domande possono essere presentate dal 4 al 30 dicembre 2023.

A chi spettano i sussidi

I sussidi INPS sono destinati agli orfani, sia minori che maggiori di età, figli di dipendenti del Gruppo Poste Italiane S.p.A e degli ex-dipendenti IPOST soggetti alla trattenuta dello 0,40% secondo l’articolo 3 della Legge 208 del 1952. Gli orfani devono soddisfare specifici requisiti:

  • Età inferiore ai 27 anni alla data di scadenza del bando.
  • Iscrizione a istituti riconosciuti nell’anno scolastico o accademico 2022-2023.
  • Assenza di ritardi nella carriera scolastica.
  • Aver superato almeno la metà degli esami per gli studenti universitari.
  • Non essere fuori corso per gli universitari.
  • Non aver usufruito di altre provvidenze analoghe nell’anno scolastico o accademico.

Requisiti di ammissione

I requisiti di ammissione includono l’età inferiore ai 27 anni alla data di scadenza del bando, l’iscrizione a istituti riconosciuti, l’assenza di ritardi nella carriera scolastica, e il superamento di almeno la metà degli esami per gli universitari. Inoltre, non essere fuori corso e non aver usufruito di altre provvidenze analoghe.

Come funzionano i sussidi

I sussidi INPS vengono erogati come elargizioni economiche a sostegno della frequenza scolastica.L’INPS valuta i requisiti dei richiedenti e pubblica graduatorie per gli aventi diritto. Il valore del contributo è determinato in base all’ISEE della famiglia del beneficiario.

Importi dei sussidi

Gli importi variano in base all’ISEE e al tipo di aiuto richiesto. Ad esempio, per l’iscrizione e la frequenza delle scuole primarie, gli importi vanno da 250 a 480 euro a seconda dell’ISEE. Per le scuole secondarie di secondo grado, gli importi variano da 550 a 1.095 euro. Nel caso di corsi universitari, i contributi vanno da 700 a 1.410 euro.

Come presentare domanda

La domanda deve essere presentata utilizzando il modello fornito dall’INPS, reperibile sul loro sito. Il genitore superstite o il tutore, nel caso di beneficiario minore, o lo studente maggiorenne orfano per sé stesso, può presentare la domanda. La scadenza per la presentazione delle domande è il 30 dicembre 2023.

Documenti da allegare

Alla domanda devono essere allegati una fotocopia non autenticata del documento d’identità del richiedente e, per gli studenti universitari iscritti a corsi successivi al primo, una dichiarazione approvata dalla facoltà.

Scadenza delle domande

È possibile presentare domanda dal 4 dicembre 2023 alle 18:00 fino al 30 dicembre 2023 alle 23:00.

Seguire attentamente le istruzioni del bando e fornire tutti i documenti richiesti è fondamentale per assicurarsi di beneficiare di questi sussidi INPS. La corretta compilazione e presentazione della domanda entro la scadenza indicata garantirà un’adeguata valutazione e l’eventuale assegnazione del contributo.

Leggi anche:

Guida alla presentazione della domanda di invalidità civile all’INPS nel 2023: novità e istruzioni

Nuove disposizioni INPS sul cumulo di pensione e lavoro autonomo nel 2023: scadenze e eccezioni