💡 SOFT SKILLS: TANTISSIME PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Prove Invalsi 2024: quando e come saranno somministrate

Prove Invalsi 2024: quando e come saranno somministrate

Dal 2005/06, le Prove Invalsi sono state introdotte come parte del sistema educativo italiano e sono attualmente regolate dal Decreto legislativo 62/2017. Ogni anno, vengono somministrate a tutti gli studenti delle classi coinvolte dalla normativa. Lo scopo principale di queste prove è valutare i livelli di apprendimento degli studenti in specifiche materie, come Italiano, Matematica e Inglese. Questo processo mira a individuare sia i punti di forza che le debolezze del sistema educativo italiano, consentendo ai decisori politici di apportare i necessari cambiamenti e miglioramenti.

Per quanto riguarda il calendario delle Prove Invalsi 2024, inizieranno il 1° marzo, coinvolgendo inizialmente gli studenti delle quinte classi della scuola secondaria di secondo grado. Ecco le date delle Prove Invalsi 2023:

Scuola Secondaria di Secondo Grado (13° anno):

  • Classi non campione: Dall’1 al 27 marzo. Le scuole possono scegliere autonomamente una data all’interno di questa finestra temporale per somministrare la prova.
  • Classi campione: 1, 4, 5 e 6 marzo 2024 a livello nazionale.
  • Sezione suppletiva (inclusi i privatisti): Dal 27 maggio al 6 giugno 2024.

Scuola Secondaria di Primo Grado (8° anno):

  • Classi non campione: Dal 4 al 30 aprile.
  • Classi campione: 4, 5, 8 e 9 aprile 2024.
  • Sessione suppletiva: Dal 27 maggio al 6 giugno 2024.

Scuola Primaria (2° e 5° anno):

  • Prove di Italiano il 7 maggio (sessione di recupero il 14 maggio).
  • Prove di Matematica il 9 maggio (sessione di recupero il 16 maggio).
  • Prove di Inglese (solo per il 5° anno) il 6 maggio (sessione di recupero il 13 maggio).

Scuola Secondaria di Secondo Grado (10° anno):

  • Classi non campione: Dal 13 al 31 maggio.
  • Classi campione (solo per Italiano e Matematica, senza Inglese): 13, 14 e 15 maggio 2024.

L’impegno verso un sistema educativo più forte e più efficace rimane fondamentale per garantire un futuro migliore per le nuove generazioni.

Leggi anche:

Il voto in condotta a scuola: analisi delle proposte di riforma