💡 SOFT SKILLS: TANTISSIME PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Carta dei docenti precari 2023-2024: procedura di richiesta e assegnazione

Carta dei docenti precari 2023-2024: procedura di richiesta e assegnazione

Il 4 dicembre 2023 segna finalmente l’attivazione della procedura per richiedere la tanto attesa Carta dei docenti precari, un bonus di 500 euro destinato a un ampio numero di insegnanti. Questa iniziativa del Ministero dell’Istruzione e del Merito è stata implementata in ottemperanza al Decreto Salva Infrazioni, che ha ampliato i benefici ai docenti con contratti precari.

Avvio dell’assegnazione della carta

La procedura di assegnazione della Carta dei docenti precari ha subito alcuni ritardi, ma dal 4 dicembre 2023 è finalmente attiva. Questa carta è destinata a beneficare un totale di 793.351 insegnanti, tra docenti di ruolo e precari.

Chi ne ha diritto

La Carta dei docenti precari è riservata agli insegnanti con contratti a tempo determinato che perdurano fino al 31 agosto 2024. Tuttavia, è importante notare che questa opportunità non si estende a coloro che hanno contratti con una durata inferiore, ad esempio, fino al 30 giugno 2024. Il costo complessivo di questa misura, che coinvolge un vasto numero di beneficiari, ammonta a circa 42 milioni di euro.

Procedura di richiesta

La procedura per richiedere la Carta dei docenti precari è stata attivata dal Ministero dell’Istruzione e del Merito dal 4 dicembre 2023. I docenti con contratti annuali fino al 31 agosto 2024 possono verificare l’accredito del bonus da 500 euro accedendo al portale web cartadeldocente.istruzione.it.

L’accesso al portale richiede la registrazione utilizzando le credenziali SPID o CIE. Una volta effettuato l’accesso, i docenti possono creare il buono da spendere.

Utilizzo del bonus

La Carta dei docenti precari, simile alla Carta del docente per i docenti di ruolo, può essere utilizzata per diversi scopi. Tra gli utilizzi consentiti rientrano l’acquisto di libri, testi, pubblicazioni e riviste in formato digitale, hardware e software, corsi di aggiornamento e qualificazione, iscrizione a corsi universitari, titoli per rappresentazioni teatrali e cinematografiche, ingresso a musei, mostre, eventi culturali e spettacoli dal vivo. La carta può essere impiegata anche per iniziative coerenti con le attività previste dal piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e dal Piano Nazionale di Formazione.

Data di accredito

L’accredito della Carta dei docenti precari è in corso dal 4 dicembre 2023 e avviene gradualmente. Gli insegnanti con supplenza annuale fino al 31 agosto 2024 possono verificare l’accredito attraverso il portale dedicato.

Sentenze e controversie

La misura introdotta con il Decreto salva infrazioni ha suscitato controversie e ricorsi, con la Corte di Cassazione che ha esteso il diritto alla Carta del Docente anche ai docenti precari.

Tuttavia, alcune critiche sono state sollevate da sindacati del mondo della scuola, che contestano la decisione di limitare l’accesso alla Carta del docente solo al personale a tempo determinato fino al 31 agosto. È possibile che la platea dei beneficiari potrebbe subire ulteriori modifiche nel tempo.

In conclusione, l’avvio dell’assegnazione della Carta dei docenti precari rappresenta un passo significativo, sebbene con ritardi, nel garantire benefici ai docenti precari in linea con le disposizioni normative vigenti. L’evoluzione della situazione e eventuali aggiornamenti saranno comunicati tempestivamente.

Leggi anche:

Massimizza il Bonus docenti: guida agli acquisti intelligenti

Aumento dello stipendio per tagli al cuneo fiscale per docenti e ATA