🍟 AFFRONTARE L'OBESITÀ: MOLTE PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Assegno Unico Universale e Reddito di Cittadinanza: come funziona e cosa cambierà nel 2024

Assegno Unico Universale e Reddito di Cittadinanza: come funziona e cosa cambierà nel 2024

Le disposizioni sulla compatibilità tra il Reddito di Cittadinanza e l’Assegno Unico Universale presentano peculiarità significative sia per le istruzioni che per le modalità di erogazione, soprattutto per le famiglie che beneficiano di entrambi gli aiuti.

Coloro che percepiscono il Reddito di Cittadinanza hanno diritto a un Assegno Unico Figli di importo parziale, distribuito secondo precise modalità di erogazione. Tuttavia, con l’abolizione del Reddito di Cittadinanza nel 2024, l’INPS ha chiarito che per continuare a ricevere l’Assegno Unico Figli, sarà necessario presentare una nuova domanda a partire da marzo 2024.

Questa guida fornisce una chiara e dettagliata panoramica sul funzionamento dell’Assegno Unico Universale per i beneficiari del Reddito di Cittadinanza, con un focus sulle regole che entreranno in vigore nel 2024.

Compatibilità tra Reddito di Cittadinanza e Assegno Unico

Le regole di compatibilità tra questo assegno e il Reddito di Cittadinanza sono definite nella Circolare INPS 28 aprile 2022, n. 53. Tuttavia, con l’avvento dell’Assegno di Inclusione dal 2024, le regole cambieranno, poiché il Reddito di Cittadinanza sarà sostituito dall’ADI.

Secondo le nuove regole, coloro che ricevono il Reddito di Cittadinanza otterranno automaticamente l’AUU fino a febbraio 2024. Da marzo 2024, sarà essenziale presentare una domanda separata, con il pagamento a partire dal mese successivo. Le domande entro il 30 giugno 2024 includeranno gli arretrati a partire da marzo.

Requisiti per Reddito di Cittadinanza e Assegno Unico

Per garantire la corresponsione automatica dell’Assegno Unico e Universale Figli ai percettori del Reddito di Cittadinanza, l’INPS verifica se il beneficiario del Reddito di Cittadinanza soddisfa i requisiti anche per l’AUU. Alcuni requisiti sono comuni a entrambe le misure, come quelli riguardanti residenza, cittadinanza e soggiorno.

Il controllo sui figli a carico avviene attraverso la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), e le informazioni utili ai fini del calcolo sono fornite nel Messaggio INPS n.2896 del 07-08-2023.

Modalità di erogazione dell’Assegno Unico

L’erogazione di questo assegno avviene automaticamente per i nuclei familiari percettori del Reddito di Cittadinanza. Tuttavia, durante la fase transitoria che precede l’addio definitivo al Reddito di Cittadinanza nel 2024, sarà necessario presentare una domanda separata per l’AUU, diversamente dalla pratica attuale.

Presentazione della domanda: come avviene

Il modelloRdc-Com/AUU” è disponibile sul sito dell’INPS e può essere compilato dai genitori facenti parte del nucleo Rdc, dai genitori affidatari, dai tutori dei figli, dai figli maggiorenni aventi diritto all’AUU, secondo le specifiche regole indicate nel Messaggio INPS n.2896 del 07-08-2023.

Scadenze e procedure

Il modello Rdc-Com/AUU può essere presentato da marzo di ogni anno per il riconoscimento dell’integrazione spettante nell’anno di competenza dell’AUU. In caso di cambiamenti o rettifiche, è necessario presentare un nuovo modello.

Calcolo importi e maggiorazioni

Gli importi dell’integrazione tra Reddito di Cittadinanza e Assegno Unico sono determinati sottraendo dall’importo teorico dell’AUU la quota relativa ai figli nel nucleo familiare. Le maggiorazioni previste per l’Assegno Unico Figli si applicano anche all’integrazione Rdc – AUU, con alcune specifiche che richiedono la presentazione del modello Rdc-Com/A

Leggi anche:

Assegno Unico ridotto a novembre 2023: cosa accade e chi potrebbe ricevere meno

Reddito di Cittadinanza: le nuove regole dal 1° settembre