💡 SOFT SKILLS: TANTISSIME PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Esenzione ticket per reddito: ecco le novità del 2023

Esenzione ticket per reddito: ecco le novità del 2023

Il 31 marzo è una data importante perché scadono i certificati di esenzione per reddito dei ticket sanitari. Questi certificati permettono a molte persone di non dover pagare il ticket per visite mediche e prestazioni diagnostiche. Ma non tutti hanno diritto all’esenzione e bisogna seguire delle procedure per richiederla.

Il Ministero della Salute ha stabilito delle regole per la certificazione, ma ogni Regione può avere la propria procedura. Quindi, se si vuole richiedere l’esenzione, è importante conoscere le procedure specifiche della propria Regione.

Esenzione ticket: le linee guida del Ministero della Salute

Prima di tutto, è importante sapere che ci sono dei limiti di reddito per ottenere l’esenzione dal pagamento del ticket sanitario. Inoltre, la domanda per l’esenzione deve essere presentata presso gli uffici competenti delle ASL di zona, non all’INPS.

Secondo le linee guida del Ministero della Salute, l’esenzione del ticket viene concessa tenendo conto dell’età e del reddito del paziente. Se si ottiene l’esenzione, si può accedere alle prestazioni diagnostiche, di laboratorio e specialistiche garantite dal Servizio Sanitario Nazionale senza dover pagare alcun costo aggiuntivo.

Tuttavia, è importante sapere che l’esenzione per reddito non copre il costo dei farmaci di fascia A.

I codici di esenzione ticket

Per capire se si ha diritto all’esenzione per reddito, è necessario conoscere i codici di esenzione previsti dal Ministero della Salute:

  • Il codice E01 si applica ai cittadini con età inferiore a 6 anni e superiore ai 65 anni, appartenenti ad un nucleo familiare con reddito annuo totale non superiore a 36.151,98 euro.
  • Il codice E02 riguarda le persone disoccupate appartenenti ad un nucleo familiare con reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,81 euro. In caso di presenza di coniuge, il reddito limite è di 11.362,05 euro, mentre per ogni figlio a carico si aumenta di 516,46 euro.
  • Il codice E03 si applica ai titolari di pensioni sociali e ai loro familiari.
  • Infine, il codice E04 riguarda i pensionati con età superiore ai sessant’anni e familiari a carico, con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro. In presenza di un coniuge, il reddito limite aumenta a 11.362,05 euro e per ogni figlio a carico si aggiungono 516,46 euro.

Conoscere il codice di esenzione corretto è importante per presentare la richiesta di esenzione e beneficiare della prestazione sanitaria gratuita.

In Lombardia la revoca per esenzioni ticket per reddito E2, E12 e E13 anche in Farmacia

Il 31 marzo scadranno i certificati di esenzione per reddito dei ticket sanitari, ma ogni Regione può decidere di gestire e estendere il rinnovo dell’esenzione. Ad esempio, la Regione Lombardia riconosce l’esenzione per reddito a disoccupati con dichiarazione di Immediata disponibilità e con un reddito familiare non superiore a 27 mila euro, ai residenti in cassa integrazione e ai cittadini con più di 66 anni e un reddito fiscale annuo fino a 18 mila euro. La richiesta di esenzione può essere presentata online mediante autocertificazione, ma è importante informare tempestivamente l’ASST di competenza della perdita dei requisiti. La revoca può essere fatta anche online oppure agli sportelli delle ASST di competenza, o ancora tramite il Fascicolo Sanitario Elettronico, o in Farmacia. Tuttavia, la revoca vale solo per le esenzioni E02, E12 e E13.

In Piemonte per i disoccupati possibile richiesta online

Il periodo di esenzione per reddito è stato prolungato di un anno per i bambini fino a 6 anni e per gli over 65 (codice E01), i titolari di assegno sociale (codice E03) e di pensione (codice E04), fino al prossimo 31 marzo. Tuttavia, non verrà prolungata l’esenzione per i lavoratori disoccupati (codice E02) e per i lavoratori in mobilità che si trovano nelle stesse condizioni reddituali. Questi ultimi dovranno recarsi presso la propria ASL o utilizzare il servizio online dedicato, autenticandosi con lo SPID o la tessera sanitaria, per rinnovare il certificato di esenzione. La proposta è stata avanzata dall’Assessore alla Sanità Luigi Genesio Icardi.

In Liguria per gli over 65 esenzione ticket per reddito illimitata

Il termine per richiedere il rinnovo dell’esenzione da reddito è fissato per il 31 marzo, ma questa scadenza non riguarda gli over 65 e gli under 6 residenti in Liguria, a condizione che abbiano ancora le condizioni reddituali per rientrare nella fascia di esenzione E01, ovvero con un reddito annuo complessivo del nucleo familiare non superiore a 36.151,98 euro. In questo caso, l’esenzione sarà valida a tempo indeterminato.

Tuttavia, per coloro che non rientrano più nei requisiti di reddito per l’esenzione (E01, E02, E03, E04), sarà necessario comunicarlo tempestivamente tramite autocertificazione alle Asl di riferimento. Nel caso in cui venga fornita una dichiarazione falsa o incompleta, gli importi non pagati saranno recuperati e verranno applicate sanzioni amministrative.

In Toscana esenzione ticket per reddito fino a dicembre 2023

Nella regione Toscana, i certificati di esenzione E01, E02, E03, E04 hanno una validità di un anno, tranne per gli over 65 che avranno l’esenzione illimitata, a condizione che non ci siano state modifiche al reddito. Tuttavia, per il 2023, la Regione ha previsto misure straordinarie per sostenere i lavoratori colpiti dalla crisi economica.

Sono state introdotte tre nuove esenzioni: E90 per i disoccupati, E91 per i lavoratori in cassa integrazione ed E92 per i lavoratori in mobilità. In tutti i casi, l’esenzione è possibile anche per i familiari a carico, a condizione che l’ISEE non superi i 18.000 euro.

In Sicilia possibile rinnovo online

I cittadini siciliani che hanno diritto alle esenzioni per il ticket E01, E02, E03 e E04, come previsto dal Ministero, dovranno presentare la propria autocertificazione online. Grazie a pochi click, i cittadini in possesso di SPID, Carta di Identità dei Servizi o Carta d’Identità Elettronica potranno inserire l’autocertificazione e visualizzare le esenzioni attive sul proprio profilo.

Questo metodo permetterà ai cittadini di essere sempre aggiornati sulle proprie esenzioni e di evitare inutili code agli sportelli.

Leggi anche: Bonus Occhiali: chi può richederlo e come funziona