🍟 AFFRONTARE L'OBESITÀ: MOLTE PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

I 10 record e primati scientifici del 2023

I 10 record e primati scientifici del 2023

L’anno appena trascorso ha visto il consolidarsi di numerosi record e primati scientifici, spaziando tra fenomeni climatici estremi, innovazioni tecnologiche, scoperte biologiche e esperimenti spaziali. Iniziamo il consuntivo annuale con una panoramica dei 10 record più significativi del 2023.

1. L’anno più caldo di sempre

Il 2023 si apre con una nota preoccupante: è stato confermato come l’anno più caldo di sempre. Le temperature globali medie, registrate da gennaio a ottobre, hanno superato di 1,43 °C i livelli preindustriali, evidenziando un aumento del riscaldamento climatico. La corrente oceanica el Niño ha contribuito al fenomeno, ma le sue anomalie sono risultate inferiori rispetto a episodi storici come quelli del 1997 e del 2015.

2. Il generatore di numeri casuali più veloce di sempre

Un team di scienziati della Ghent University ha sviluppato un chip rivoluzionario capace di misurare le fluttuazioni quantistiche del vuoto, creando così il generatore di numeri casuali più veloce mai realizzato. Questa innovazione potrebbe migliorare la sicurezza dei sistemi informatici grazie alla sua imprevedibilità.

3. Il ratto più anziano del mondo

Chiamato Sima, questo roditore nato nel 2019 è diventato il ratto più longevo al mondo, vivendo fino all’età straordinaria di 47 mesi. Sima ha partecipato con successo a esperimenti sulla longevità, aprendo prospettive interessanti per futuri studi sull’invecchiamento, compresa la sperimentazione su esseri umani.

4. L’acceleratore di particelle tascabile

Un gruppo di fisici dell’Università Friedrich-Alexander di Erlangen-Norimberga ha sviluppato il più piccolo acceleratore di particelle al mondo, lungo soltanto mezzo millimetro. Questo dispositivo potrebbe aprire la strada a nano acceleratori utilizzabili in endoscopi per fornire trattamenti di radioterapia più mirati e sicuri.

5. Il picco di emissioni di gas serra

Non un primato positivo, ma degno di nota. Le emissioni di anidride carbonica da combustibili fossili hanno raggiunto un nuovo record nel 2023, con una produzione di 36,8 miliardi di tonnellate, un aumento dell’1% rispetto all’anno precedente. Una conferma della sfida sempre più urgente legata al cambiamento climatico.

6. L’oggetto artificiale più veloce di sempre

La sonda Parker Solar Probe della NASA ha infranto il record di velocità per un oggetto costruito dall’uomo, sfrecciando a oltre 635 mila chilometri all’ora sopra la superficie del Sole. Un successo che ha anche stabilito il record di minima distanza da una stella, a poco più di sette milioni di chilometri.

7. Il primo cimitero al mondo

A giugno 2023 è stato scoperto il cimitero più antico del mondo, situato in Sudafrica e risalente all’Età della Pietra. Curiosamente, non è stato costruito dalla specie umana, ma da Homo naledi, un ominide. La scoperta fornisce preziose informazioni sulla storia e l’evoluzione delle pratiche funerarie.

8. La medusa più antica al mondo

Un team di scienziati del Royal Ontario Museum ha identificato Burgess Medusa phasma formis, la più antica specie di medusa al mondo vissuta oltre mezzo miliardo di anni fa. Questa creatura, simile a un paralume dell’età vittoriana, è stata uno dei più potenti predatori oceanici del suo tempo.

9. Il primo farmaco prodotto in orbita

Un laboratorio caricato a bordo del razzo Falcon 9 di SpaceX ha prodotto in orbita cristalli di ritonavir, un antivirale utilizzato nel trattamento dell’HIV. Sebbene il rientro della capsula contenente il farmaco non abbia ottenuto l’autorizzazione, l’esperimento potrebbe aprire nuove prospettive per la produzione di farmaci nello spazio.

10. Il primo bacio della storia

Uno studio pubblicato sulla rivista Science ha retrodatato i primi baci della storia di oltre un millennio, basandosi su testi incisi su tavolette di argilla rinvenute in Mesopotamia. Gli archeologi sostengono che la pratica del bacio romantico si diffuse in molte società antiche, smentendo l’ipotesi che potesse essere un veicolo significativo di diffusione di malattie.

In conclusione, il 2023 è stato un anno di straordinarie scoperte e sfide globali, delineando il panorama scientifico in modo eclettico e stimolante. Speriamo che queste innovazioni possano guidare il futuro della ricerca scientifica e contribuire a affrontare le sfide emergenti.

Leggi anche:

Groenlandia: il futuro incerto in un mondo più caldo

Caldo record: i giorni più caldi della storia