😍 CORSO GRATUITO GENITORI NON SI NASCE: SCOPRI DI PIÙ

UFO o No? Federica Bianco alla NASA lo scoprirà per noi

UFO o No? Federica Bianco alla NASA lo scoprirà per noi

Il 24 ottobre 2022 la NASA ha dato l’avvio ad una nuova ricerca che vedrà impegnata una commissione di 16 scienziati provenienti da tutto il mondo. Questo team studierà i fenomeni celesti che non sono identificabili, i cosiddetti UAP (Unidentified Aerial Phenomena) o, più comunemente, UFO. Tra gli studiosi, oltre all’ex astronauta Scott Kelly, spicca anche un’eccellenza italiana, l’astrofisica Federica Bianco.

Chi è Federica bianco?

Federica Bianco è una Senior Research Scientist alla University of New York. Nata a Genova, si è laureata in astronomia a Bologna e ha poi completato gli studi in Pennsylvania, ottenendo un dottorato di ricerca in fisica. È specializzata in analisi di serie temporali, processamento di immagini, e machine Learning. Come astrofisica si occupa di evidenze indirette di esplosioni stellari nella Via Lattea.

La ricerca su cosa verterà?

Lo studio, che è già iniziato, durerà nove mesi. Si tratta di uno studio indipendente che ha l’obiettivo di raccogliere ed utilizzare tutti i dati forniti da enti governativi e civili e dati commerciali di altre fonti. Gli scienziati dovranno confrontarli e trovare la giusta correlazione che possa far luce sui fenomeni celesti inspiegabili (ma non per forza di natura extraterrestre”, “come specifica la NASA ).

La ricerca prenderà in esame tutti i dati finora non classificati e a metà 2023 è previsto un rapporto che ci fornirà le varie scoperte.

Il responsabile delle missioni scientifiche della NASA, Thomas Zurbuchen, rimarca l’importanza di capire i dati esistenti sui fenomeni aerei non identificati, sottolineando come questo lavoro sia indispensabile per riuscire a trovare riscontro nella scienza e conoscere ciò che avviene nei nostri cieli. A parlare del progetto è anche il coordinatore Daniel Evans, che dice di aver messo insieme alcuni dei migliori scienziati al mondo che avranno un compito comune cioè di ricercare e spiegare come applicare la scienza sui dati UAP.

Il fascino del mistero e dello spazio inesplorato

Da sempre l’uomo si chiede della sua esistenza e del perché di tante cose. Dai filosofi agli storici agli scienziati, tutti hanno cercato a loro modo di capire e conoscere tutto ciò che ci circonda. Si è detto che non può esistere un evento se non gli sappiamo dare un significato.

Da molti anni si cerca di capire se, oltre alle forme di vita del nostro Pianeta, ne esistano altre disperse nell’Universo. Ci sono stati innumerevoli studi sui fenomeni celesti umanamente inspiegabili. Il fascino del mistero che circonda l’esistenza possibile di altre forme di vita o di altri mondi ha una storia infinita.

Molti registi hanno immaginato e messo in scena film sugli UFO, hanno costruito storie sull’inimmaginabile che ha preso forma e vita.

La famosissima Area51, una base militare in Nevada, su cui è da sempre celata la massima segretezza delle missioni svolte, ha suscitato negli anni tanti dubbi e perplessità nell’opinione pubblica ed è stata motivo di dibattiti giornalistici e di supposizioni infinite sulla natura di questo luogo e tutto ciò che in esso venga presumibilmente fatto e nascosto.

Quel mistero degli eventi e dei fenomeni sconosciuti rimane tuttora motivo di riflessione e di studio da parte di molti scienziati, che cercano costantemente di dare una risposta scientifica e non fantasiosa a ciò che sembra impossibile e misterioso, a ciò che accade costantemente nei nostri cieli.

Non ci resta che aspettare Giugno 2023 per saperne di più, sperando che questo nuovo studio ci possa dare quelle risposte che da sempre cerchiamo.

Per ora possiamo solo essere fieri della nostra Federica Bianco, rifacendoci anche al discorso di insediamento del nuovo presidente del Consiglio Giorgia Meloni, un’altra donna che apre la strada a tante altre che verranno.