😍 CORSO GRATUITO GENITORI NON SI NASCE: SCOPRI DI PIÙ

Social VS Realtà: il mondo ha una nuova faccia

Social VS Realtà: il mondo ha una nuova faccia

Telefono, sms, WhatsApp, Tik Tok, Facebook, Instagram, Twitter… e il metaverso.

Questa frenetica enumerazione descrive un mondo surclassato dal vuoto travestito da pieno. Pieno di cose da “condividere”, di persone da taggare, di richieste da inviare, di selfie da esibire, ma vuoto di valori, di condivisioni tangibili, di emozioni vissute, di sentimenti reali. Spesso ci si illude di vivere una vita colma di energia, quando è pura frenesia mediatica. Si potrebbe dire che siamo tutti un po’ social ma per nulla sociali.

Attenzione, però: il problema non è il social in sé ma quanto il suo erroneo significato si sia imposto su quello autentico.

I GIOVANI E I SOCIAL

Diverse ricerche suggeriscono che la fascia maggiormente colpita dall’influenza dei social network sia quella adolescenziale. In modo particolare, è stato considerato il rapporto tra la comunicazione social e la condizione psicologica risultante, attraverso l’analisi di due teorie:

  • la teoria del disimpegno, la quale sottolinea come i ragazzi attribuiscano maggiore importanza ai rapporti in rete a discapito di quelli reali. Nonostante essi siano consapevoli di quanto poco questi legami abbiano da offrire, sono comunque ostinati a perseguirli preferendoli, persino, ad una chiacchierata in famiglia. È ovvio che tutto questo offra anche un carico emotivo differente: si tende ad andare in direzione di una realtà virtuale perché richiede meno impegno per essere gestita;
  • la teoria della stimolazione sembra invece remare a favore del social, in quanto valore aggiunto alla realtà offline. Uno studio dello psicologo dello sviluppo Roberto Baiocco, ad esempio, attesta proprio questo: l’online avrebbe delle marce in più, poiché permetterebbe di esprimersi in forma anonima, e quindi darebbe voce anche al soggetto più impacciato.

Le ricerche suggeriscono, quindi, due facce della stessa medaglia: il social sarebbe, sì, uno strumento fondamentale, ma anche una potentissima arma deleteria per chi non sa farne buon uso.

Prima di fornire ai giovani uno strumento tanto potente qual è il social, sarebbe quindi opportuno comprendere il tipo di persona dinanzi a cui ci si trova: adolescenti con una buona base di socialità, infatti, trarrebbero benefici dal mondo online, poiché arricchirebbero il loro bagaglio sociale; diversamente, ragazzi impacciati e con disagi sociali dovrebbero essere tutelati dal web, che rischia di creare o accrescere stati d’animo depressivi.

Per questa tipologia di ragazzi, il social è la creazione di una vita parallela e fittizia che decidono di costruire poiché non in grado di farlo nel quotidiano, avvalendosi di un mondo che potrebbe crollare da un momento all’altro.


Il delicato rapporto tra adolescenti e mondo digitale è approfondito nel corso online educational Adolescenti 2.0 e nel seminario gratuito online Percezione dell’immagine corporea: come cambia a causa dei social network.


VOCE DEL VERBO “SENTIRE”

Il problema non è la condivisone di una “storia” su Instagram quanto il fatto che quella condivisione può spingere a non cercare la persona che l’ha postata perché già si è al corrente di dov’è, di cosa fa e con chi è. E il problema non è nemmeno l’invenzione della videochiamata (fondamentale per mettersi in contatto con i propri cari quando, per svariati motivi si è impossibilitati a raggiungerli): il punto è che se si ha la possibilità di vedersi anche a distanza perché non sfruttarla totalmente? (anche quando non occorre).

Ma uno degli aspetti più enigmatici è quando, ad un “ti amo” o ad un “ti voglio bene”, si sostituisca l’emoticon di un cuore. O ci si limiti a mettere un “like”. Si perde, così, la capacità di emozionarsi, di “sentirsi”, non con le orecchie ma con il cuore.

Possiamo addossare le colpe al Covid, che non ha fatto altro che minare un equilibrio che era già labile. Ma ci siamo ammalati molto prima della pandemia, quando abbiamo iniziato a cercare spasmodicamente il valore dove non c’è, dimenticandoci della bellezza delle cose semplici.

“Se non riesci a spiegarlo a un bambino di 6 anni, non l’hai capito nemmeno tu”. (Albert Einstein)