💡 SOFT SKILLS: TANTISSIME PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Filastrocche di Natale e poesie per bambini: un viaggio nella magia delle feste

Filastrocche di Natale e poesie per bambini: un viaggio nella magia delle feste

Il periodo natalizio è un momento magico per i bambini, un’epoca in cui la magia si mescola con la gioia, i sogni diventano realtà e nell’aria si respira un’atmosfera unica. Le filastrocche e le poesie di Natale sono un modo meraviglioso per avvicinare i più piccoli a questa festa speciale. In questa selezione, esploreremo alcune delle filastrocche e poesie più belle e significative, adatte sia ai bambini piccoli che a quelli più grandi.

Le più belle filastrocche per bambini

Il Natale si avvicina di E. Silvestre

Il Natale si avvicina,

magia nell’aria cammina.

Luci che brillano, cuori che battono,

sogni che si avverano, gioia che si sprigiona.

Filastrocche Natalizie dedicate a Gesù Bambino

Bambino Gesù di D. Mc Arthur Rebucci

Signore, Signore,

sei nato, sei Tu

il candido fiore

il bimbo Gesù.

O stelle del cielo

che notte è mai questa:

splendente nel cielo

con luci di festa.

Anch’io qui nel cuore,

piccino ho una stella;

per Te mio Signore,

per Te chiara e bella.

Ma certo la vedi,

la vedi anche Tu

brillare ai tuoi piedi

Bambino Gesù.

Poesia di E. Minoia

Nato è il bambino nella capanna

veglia Giuseppe, veglia la mamma

nel cielo appare la nuova stella

che annuncia il mondo la gran novella

gli angeli cantan in una schiera

risorgi uomo, risorgi e spera

fa che il bambino ti nasca in cuore

e che ti porti luce ed amore.

I giorni dell’Avvento di Pier Gaspare Siclari

Cade il ciocco nella stufa,

scintilla; sopra i cerchi

cuoce la minestra,

gira la polenta taragna.

Senti il silenzio che fa

fuori l’inverno; echi

lontani dalla finestra:

qualcuno nel bosco fa legna.

Fa la pagnotta il gatto

sulla sedia al calduccio

accanto alla stufa; tutto è pronto

si aspetta la neve.

Qualcuno ha già fatto

il presepe, messo sull’uscio

rametti di vischio; inizia l’Avvento

si stringe la pieve.

Nasce Gesù di Luisa Nason

Campana piccina

che attandi lassù

intona il tuo canto

che nasce Gesù.

O stella, stellina

che brilli lassù,

ravviva il tuo lume

che passa Gesù

O cuore piccino

che attendi quaggiù

prepara i tuoi doni

che nasce Gesù.

Poesie natalizie per bambini della scuola primaria

I bambini e la magia natalizia.

La Cometa di Gianni Rodari

Sono la Cometa

di Natale.

Ardo nel firmamento;

illumino i presepi;

riposo sulle punte degli abeti;

prometto pace alla terra

e doni ai bimbi buoni.

Ma voi mi fate certe confusioni!

Perché, con tutta la vostra scienza,

non avete ancora scoperto

che di bimbi cattivi non ce n’è?

Un dono speciale di Roberto Piumini

Quest’anno Natale

mi ha fatto un bel dono,

un dono speciale.

Mi ha dato allegria,

canzoni cantate

in gran compagnia.

Mi ha dato pensieri.

parole, sorrisi

di amici sinceri.

Dei vecchi regali

non voglio più niente.

A ogni Natale

io voglio la gente.

Le candeline accese di Roberto Piumini

Le candeline accese

sui rami dell’abete

sembrano tutte liete

di vegliar da vicino

il dolce sonno di Gesù Bambino.

I gingilli d’argento

le belle arance d’oro,

chiedono fra di loro

scampanellando piano:

“Ci toccherà la sua piccola mano?”.

Gli angiolini di cera

dalle manine in croce

sussurrano con voce

quasi di paradiso:

“Se avessimo soltanto un suo sorriso!”.

E la stella cometa

che vide tutto il mondo

dice con un profondo

sospiro di dolcezza:

“Non vidi mai quaggiù tanta bellezza!”.

Poesie di Natale per Bambini di Scuola Materna

Incanto e semplicità del Natale

Filastrocca di Natale di Giuseppe Bordi

Filastrocca di Natale

faccio un albero speciale

con palline e caramelle

con la polvere di stelle.

Faccio un albero a colori

che rallegri tutti i cuori

e poi scrivo tra i regali

“Siamo tutti quanti uguali”.

La Notte di Natale di Maestra Mary

La notte di Natale

è festa anche nel bosco

la voglio festeggiare

con quelli che conosco.

Animali ed uccellini

fanno un grande girotondo

per dire pace e gioia

ai bambini di tutto il mondo!

Stella Stellina

Stella stellina che brilli lassù

ravviva il tuo lume, che passa Gesù

Campana piccina che attendi lassù

intona il tuo canto che nasce Gesù

Oh cuore piccino che attendi quaggiù

prepara i tuoi doni che nasce Gesù.

Poesie di Babbo Natale

Babbo Natale: icona della generosità.

Filastrocca di Natale di Jolanda Restano

Babbo Natale viene di notte

viene in silenzio a mezzanotte.

Dormono tutti i bimbi buoni

e nei lettini sognano i doni.

Babbo Natale vien fra la neve,

porta i suoi doni là dove deve.

Non sbaglia certo: conosce i nomi

di tutti quanti i bimbi buoni.

Babbo Natale di Rosso Vestito di Jolanda Restano

Babbo Natale di rosso vestito

lascia ogni bimbo sempre stupito

con i suoi doni e i suoi regali

sempre fantastici, sempre speciali!

Babbo Natale con la barba bianca

lavora di notte e non si stanca;

vola lassù insieme alle renne

porta per tutti i doni e le strenne!

Babbo Natale di Monique Hilton

In un nido di cicogna

Babbo Natale sogna

un albero illuminato

un bimbo incantato

un giorno più lieto

un mondo più quieto.

Sogna sotto le stelle

tutte le cose più belle.

Nel cuore del suo sogno,

sai chi c’è?

Un regalo tutto per sé.

Ninna Nanna di Natale di Jolanda Restano

Dorme la renna dentro alla stalla,

mentre nel cielo brilla una stella.

Dormon gli gnomi nei loro lettini

e sognan regali portati ai bambini.

Dorme anche il Babbo di rosso vestito

stanco, distrutto davvero sfinito…

Dormono tutti dopo Natale!

La loro notte è stata speciale:

han consegnato migliaia di doni

a tutti i bimbi buoni!

Poesie di Natale più lunghe

Un Abete Speciale di Gianni Rodari

Quest’anno mi voglio fare

un albero di Natale

di tipo speciale,

ma bello veramente.

Non lo farò in tinello,

lo farò nella mente,

con centomila rami

e un miliardo di lampadine,

e tutti i doni

che non stanno nelle vetrine.

Un raggio di sole

per il passero che trema,

un ciuffo di viole

per il prato gelato,

un aumento di pensione

per il vecchio pensionato.

E poi giochi,

giocattoli, balocchi

quanti ne puoi contare

a spalancare gli occhi:

un milione, cento milioni

di bellissimi doni

per quei bambini

che non ebbero mai

un regalo di Natale,

e per loro ogni giorno

all’altro è uguale,

e non è mai festa.

Perché se un bimbo

resta senza niente,

anche uno solo, piccolo,

che piangere non si sente,

Natale è tutto sbagliato.

Babbo Natale di Patrizia Nencini

Sono un papà molto speciale

mi chiamo Babbo Natale! Il vestito che porto addosso

è di un vivace colore rosso.

Cappello, stivali e cintura

completano la mia figura. Quando mi guardo nello specchio

vedo la faccia di un bel vecchio. Vivo al Polo tra nevi e orsachiotti

insieme a tanti gnomi grassotti. Al lume fioco di una lampadina

leggo la posta fino a mattina. Nella stanza delle sorprese

incarto i regali dal primo del mese. Ho una slitta a nove renne

e scio sulla neve carico di strenne. Per non sentire la tramontana

mi copro tutto con la sciarpa di lana. Arrivo in città a notte scura

lascio le renne per una nuova avventura. Salgo svelto sopra il tetto

poi scivolo piano nel caminetto: nella casa tutto tace

e a luci spente regna la pace. L’albero di Natale è luminoso:

metto i giocattoli e mi allontano silenzioso. Dopo un dolcetto e un riposino

lascio la casa di ogni bambino. Al mattino, tutto solo,

sveglio le renne e… via verso il Polo! Durante il viaggio saluto tutti:

i piccoli, i grandi, i belli e i brutti! A casa arrivo con un po’ d’affanno,

mi stendo sul letto e dormo per un anno Sogno una notte fatata e speciale…

il tempo è passato: è già Natale!

È Natale di Madre Teresa di Calcutta

È Natale ogni volta

che sorridi a un fratello

e gli tendi la mano.

È Natale ogni volta

che rimani in silenzio

per ascoltare l’altro.

È Natale ogni volta

che non accetti quei principi

che relegano gli oppressi

ai margini della società.

È Natale ogni volta

che speri con quelli che disperano

nella povertà fisica e spirituale.

È Natale ogni volta

che riconosci con umiltà

i tuoi limiti e la tua debolezza.

È Natale ogni volta

che permetti al Signore

di rinascere per donarlo agli altri.

Queste filastrocche e poesie di Natale sono un modo affascinante per immergere i bambini nella magia delle festività, trasmettendo loro non solo la gioia del dono e delle luci scintillanti ma anche il significato più profondo di solidarietà e amore. Che il Natale porti luce e calore nei cuori di tutti, grandi e piccoli.

Leggi anche:

Tradizione dell’Elfo di Natale sulla mensola: guida e consigli

Calendario dell’Avvento fai da te per bambini: creatività senza spendere una fortuna