🍟 AFFRONTARE L'OBESITÀ: MOLTE PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Eccellenza italiana: quattro scienziate tra le prime 100 al mondo

Eccellenza italiana: quattro scienziate tra le prime 100 al mondo

La recente classifica stilata da Research.com per il 2023 ha rivelato un motivo di vanto per l’Italia: quattro straordinarie ricercatrici italiane si sono posizionate tra le prime 100 scienziate al mondo.

Silvia Franceschi, esperta di epidemiologia oncologica e direttrice scientifica del Cro di Aviano, si è classificata al 20esimo posto. Seguono Speranza Falciano, dirigente di ricerca dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, al 62esimo posto; l’epidemiologa Eva Negri, docente all’Università di Bologna, al 70esimo posto; e Silvia Priori, docente di cardiologia all’Università di Pavia, che si è posizionata all’85esimo posto.

Il contributo delle donne alla ricerca scientifica in Italia: una visione d’insieme

Approfondendo l’analisi della classifica delle prime 1.000 scienziate mondiali, emergono ulteriori 22 donne impegnate in varie discipline scientifiche in Italia, dalla medicina all’astrofisica. Nomi di rilievo includono Patrizia Caraveo dell’Istituto Nazionale di Astrofisica (posizione 116), Annamaria Colao dell’Università Federico II di Napoli (posizione 225), Silvia Bordiga, ordinaria di Chimica Fisica all’Università di Torino (posizione 265), e molte altre.

Leadership statunitense: JoAnn E. Manson e il dominio accademico degli Stati Uniti

Al vertice della classifica mondiale si posiziona la statunitense JoAnn E. Manson della Harvard Medical School, celebre per le sue ricerche pionieristiche in epidemiologia e salute delle donne.

Gli Stati Uniti dominano la classifica con 623 donne tra le prime 1.000, seguiti dal Regno Unito (96) e dalla Germania (37). Le istituzioni americane primeggiano con l’Università di Harvard (40), i National Institutes of Health (33), e l’Università di Stanford (27).

I temi principali della ricerca al femminile

L’analisi della distribuzione tematica rivela che le migliori scienziate al mondo si concentrano principalmente sulla medicina (46,8%), fisica (10,8%), immunologia, biologia e biochimica (4,4%), genetica medica (4,2%) e psicologia (4,1%).

Sfide nel mondo scientifico: disparità di genere e riconoscimento

Il rapporto di Research.com evidenzia le sfide che le donne affrontano in un ambiente scientifico ancora dominato dagli uomini. Le donne hanno meno probabilità di essere riconosciute su brevetti o articoli rispetto agli uomini, con solo il 15% di attribuzioni rispetto al 21%. Le ricercatrici ricevono finanziamenti medi di circa 342.000 dollari, nettamente inferiori rispetto ai 659.000 dollari degli uomini.

Promuovere l’equità di genere nella ricerca scientifica: un impegno cruciale

I dati evidenziati dal rapporto di Research.com sottolineano in modo inequivocabile la necessità di promuovere una maggiore parità di genere nel campo scientifico. È imperativo riconoscere il valore delle contribuzioni femminili alla ricerca globale e assicurarsi che le donne ricevano il giusto riconoscimento e supporto finanziario. Mentre celebriamo il successo delle quattro scienziate italiane e di altre eccellenze nel panorama scientifico mondiale, è fondamentale approfondire il focus sull’equità di genere.

In particolare, in Italia, è essenziale compiere progressi significativi in tutti i settori per superare le disparità di genere presenti nel mondo scientifico. La promozione dell’equità di genere dovrebbe essere un obiettivo chiave nelle politiche accademiche e nelle istituzioni di ricerca.

Ciò implica la creazione di un ambiente inclusivo che riconosca e valorizzi le competenze e le realizzazioni delle scienziate, garantendo loro pari opportunità di avanzamento di carriera, di partecipazione a progetti di ricerca e di accesso a finanziamenti.

Inoltre, è essenziale promuovere una cultura di consapevolezza e sensibilizzazione sulle sfide specifiche che le donne possono incontrare nel mondo scientifico, al fine di eliminare stereotipi e pregiudizi di genere. Attraverso iniziative di mentorship e supporto, si può contribuire a creare un ambiente in cui le donne possano eccellere e sviluppare appieno il loro potenziale scientifico.

Il miglioramento dell’equità di genere non è solo una questione di giustizia, ma anche un investimento nel progresso scientifico e sociale. La diversità di prospettive e approcci è fondamentale per affrontare le sfide scientifiche complesse e per generare soluzioni innovative.

In questo contesto, l’Italia, con il suo ricco patrimonio scientifico, ha l’opportunità di guidare il cambiamento e di diventare un esempio di eccellenza in termini di inclusività di genere.

Leggi anche:

11 Febbraio: Giornata Mondiale delle donne nella scienza