🍟 AFFRONTARE L'OBESITÀ: MOLTE PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Chiara Ferragni e Balocco maxi multa dall’Antitrust

Chiara Ferragni e Balocco maxi multa dall’Antitrust

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust) ha imposto una sanzione significativa alle società legate a Chiara Ferragni e a Balocco S.p.A. per una pratica commerciale ritenuta scorretta. La sanzione ammonta a oltre 1 milione di euro per le società associate a Chiara Ferragni e 420 mila euro per Balocco.

L’Antitrust ha rilevato che le società hanno indotto i consumatori a credere che l’acquisto del “Pandoro Pink Christmas”, griffato Ferragni, avrebbe contribuito a una donazione per l’acquisto di un nuovo macchinario all’Ospedale Regina Margherita di Torino, destinato ai bambini affetti da Osteosarcoma e Sarcoma di Ewing. Tuttavia, si è scoperto che la donazione di 50 mila euro era già stata effettuata da Balocco mesi prima del lancio del prodotto.

Le società Fenice S.r.l. e TBS Crew S.r.l., che gestiscono i marchi e i diritti relativi a Chiara Ferragni, sono state sanzionate rispettivamente per 400 mila euro e 675 mila euro. Il Codacons, in seguito a questa decisione, ha annunciato l’intenzione di avviare un’azione legale contro Balocco e Chiara Ferragni, chiedendo il rimborso del costo del pandoro agli acquirenti.

Secondo l’Antitrust, la pratica scorretta si è articolata in diverse condotte: far credere che l’acquisto del “Pandoro Pink Christmas” avrebbe contribuito alla donazione (quando in realtà era già stata fatta), diffondere informazioni ingannevoli tramite i cartigli sui pandori e sui canali social di Ferragni, e proporre il pandoro a un prezzo significativamente più alto rispetto al normale, sfruttando la sensibilità dei consumatori verso iniziative benefiche. L’Antitrust ha ritenuto che questa pratica abbia violato il dovere di diligenza professionale previsto dal Codice del Consumo, configurandosi come pratica commerciale scorretta e ingannevole.

Questo caso mette in luce l’importanza della trasparenza nelle campagne pubblicitarie e l’impatto delle normative sul marketing etico, soprattutto quando si tratta di iniziative legate a fini benefici.