😍 CATALOGO CORSI: SFOGLIA LE NOVITÀ SCOPRI DI PIÙ

Bambino a bordo: consigli dei pediatra

Bambino a bordo: consigli dei pediatra

I pediatri italiani aderenti alla SIN (Società Italiana di Neonatologia) hanno pubblicato utili suggerimenti per la prima vacanza con il tuo piccolo. Leggi attentamente e preparati per una fantastica avventura in famiglia!

Per approfondimenti:

OFFERTA CORSI PRIMA INFANZIA

Corso di Formazione online in Assistente di Infanzia

Viaggiare con un neonato in auto

Contrariamente a quanto si pensa, i neonati possono affrontare ogni tipo di viaggio, a patto che siano garantite le condizioni necessarie per il loro comfort. Tuttavia, è preferibile evitare i primi dieci giorni di vita, in quanto potrebbero essere necessarie alcune attenzioni specifiche (come l’avvio dell’allattamento, la perdita di peso o l’ittero), sotto la supervisione del pediatra scelto.

I neonati possono viaggiare in auto, purché si mantengano condizioni climatiche favorevoli all’interno dell’abitacolo. È consigliabile viaggiare nelle ore più temperate della giornata e parcheggiare l’auto all’ombra. È fondamentale rispettare tutte le regole del Codice della Strada (Art. 172) per garantire la massima sicurezza durante il viaggio.

Il neonato deve essere posizionato nel suo seggiolino auto, conforme alle normative europee, correttamente fissato al sedile e rispettando le regole di installazione (fino a quando il bambino pesa meno di 9 chili, il seggiolino deve essere installato in senso contrario alla marcia). Questa disposizione è essenziale perché, in caso di urto, la struttura scheletrica e muscolare ancora in fase di sviluppo del bambino rischia di subire maggiori danni a causa della cintura di sicurezza, piuttosto che contro lo schienale del seggiolino. Il posto più sicuro per il bambino è il sedile centrale posteriore, che offre una maggiore protezione in caso di urto frontale o laterale. I seggiolini auto più recenti sono contrassegnati dalla sigla ECE R44-03 e sono gli unici legalmente vendibili nei negozi.

Alcuni importanti consigli aggiuntivi

  1. Durante il viaggio in auto, evitare di utilizzare l’aria condizionata in modo eccessivo e impostare la temperatura non troppo al di sotto di quella esterna, mantenendola intorno ai 22-23 gradi.
  2. Prevedere soste frequenti, circa ogni due ore, e ogni volta che il neonato ha bisogno di essere alimentato. Assicurarsi di non lasciare mai il bambino da solo in auto, poiché potrebbe essere esposto a temperature elevate che possono causare disidratazione.

Viaggi in treno o in aereo?

Il viaggio in treno rappresenta una soluzione comoda, poiché il neonato può viaggiare in braccio alla madre senza occupare un posto a sedere. Inoltre, c’è più spazio per muoversi, passeggiare e sistemare il passeggino o il seggiolino auto, se necessario.

Nel caso sia strettamente necessario viaggiare in aereo con un neonato (previa consultazione con la compagnia aerea per le informazioni necessarie), è importante considerare che potrebbe sottoporsi a uno stress causato da sbalzi di temperatura, pressione, luce e rumori che potrebbero disturbare il bambino. In particolare, durante periodi di epidemie di malattie respiratorie, il rischio di contrarre infezioni è maggiore. La scelta migliore è quella di posticipare, se possibile, il viaggio in aereo fino a un’età successiva. Durante il volo, è consigliabile stimolare frequentemente la suzione del bambino per evitare il rischio di dolore alle orecchie dovuto alla pressione atmosferica durante il decollo e l’atterraggio.

Scelta della meta ideale

Non ci sono differenze nella scelta della meta in base al luogo. Sia il mare, la montagna che la campagna possono essere adatte per trascorrere le vacanze con un neonato di poche settimane.

Se scegli una vacanza al mare, è fondamentale garantire al neonato condizioni climatiche adatte. Ciò significa uscire durante le ore più fresche, assicurarsi che l’ambiente sia ben ventilato e a temperatura moderata, evitare l’esposizione diretta ai raggi solari, specialmente nelle ore centrali della giornata. È importante tenere presente che i neonati sono particolarmente vulnerabili alle temperature elevate e sono a rischio di disidratazione. Segnali di disidratazione includono una minore emissione di urina (pannolino asciutto), mucose secche, fontanella depressa, irritabilità o sonnolenza e talvolta alterazioni della temperatura corporea. Una corretta alimentazione a base di latte, in particolare il latte materno, fornisce al neonato tutto il necessario in termini di calorie e liquidi per mantenere un equilibrio idroelettrolitico adeguato. Non è necessario somministrare altri liquidi, inclusa l’acqua. Se il neonato sembra inquieto, è consigliabile offrirgli il seno più frequentemente. È meglio evitare luoghi troppo isolati o poco sicuri in cui potrebbe essere difficile o impossibile ottenere assistenza medica pediatria. È consigliabile scegliere spiagge “a misura di bambino”, con stabilimenti ben attrezzati per garantire la tranquillità dei genitori e la sicurezza dei neonati.

Puoi anche optare per una vacanza in montagna, ma con alcune precauzioni. Le temperature sono generalmente più miti rispetto alla città durante l’estate e sono adatte per una vacanza con un neonato di poche settimane. Tuttavia, è meglio evitare periodi di soggiorno troppo brevi che non consentano al bambino di adattarsi alle variazioni di altitudine e pressione atmosferica. Le alte quote (oltre i 2000/2500 metri) non sono consigliate. È anche sconsigliabile fare escursioni o passeggiate troppo lunghe e impegnative con neonati così piccoli, poiché la loro struttura ossea e muscolare non è ancora adatta per essere trasportata a spalla, come può essere stimolante per i bambini più grandi.

La campagna rappresenta un’ottima destinazione per una vacanza con neonati. I neonati trascorrono ancora la maggior parte del tempo dormendo e hanno bisogno di una routine regolare. La campagna offre un clima temperato e una tranquillità che può essere molto apprezzata.

Un luogo adatto al tuo bambino

Una volta arrivati nella tua destinazione prescelta, assicurati che tutto intorno a te sia attrezzato e sicuro per il tuo bambino. È importante informarsi in anticipo sulla presenza di pediatri, farmacie, servizio di guardia medica e tutto ciò di cui potresti aver bisogno per affrontare eventuali piccoli inconvenienti durante il soggiorno. L’ambiente in cui alloggerai, sia che si tratti di un appartamento o di un hotel, deve essere igienicamente adatto per accogliere il neonato e non deve essere né troppo caldo né troppo freddo. È consigliabile fare un uso consapevole dell’aria condizionata domestica, pulendo i filtri prima di accenderla dopo una lunga pausa. La temperatura, come già menzionato, dovrebbe essere mantenuta intorno ai 22-23 gradi, non inferiore alla temperatura esterna. È importante evitare di indirizzare direttamente le bocchette dell’aria verso il bambino, ma invece verso l’alto. L’aria condizionata non solo rinfresca, ma anche deumidifica l’aria riducendo il contenuto di umidità. Assicurati di non ridurre eccessivamente l’umidità, poiché potrebbe causare secchezza delle mucose. È consigliabile aerare frequentemente gli ambienti climatizzati, soprattutto quelli in cui soggiornano neonati o bambini, per evitare l’accumulo di sostanze inquinanti.

Non dimenticare di pianificare le vaccinazioni obbligatorie per il tuo bambino, in modo da non ritardare troppo le date consigliate e rispettare le scadenze corrispondenti.

Cosa mettere in valigia

Se ti stai dirigendo verso climi caldi e soleggiati, assicurati di portare con te indumenti chiari e leggeri, realizzati in fibre naturali, che lascino scoperti gli arti del tuo bambino. Includi anche un cappellino a falda ampia per proteggere il piccolo da eventuali congiuntiviti causate dall’esposizione solare e un maglioncino in filo per proteggerlo dall’umidità serale. Oltre a ciò, avrai bisogno di salviette umidificate, una scorta di pannolini e una copertina per proteggere il bambino dall’aria condizionata, nonché di bavaglini (preferibilmente usa e getta per comodità) e detergenti antisettici per gli oggetti a contatto con il bambino.

È consigliabile portare con te anche una piccola scorta di prodotti per la cura del tuo neonato. Oltre alla soluzione fisiologica per le narici e alle creme per gli arrossamenti cutanei, potresti portare con te un antipiretico come il paracetamolo in gocce. Tuttavia, non assumere mai farmaci senza consultare il neonatologo o il pediatra, in quanto solo loro possono prescrivere farmaci per un neonato così piccolo. Potrebbe essere utile discutere con loro prima della partenza per ulteriori consigli sulla gestione del tuo bambino.

Per proteggere il tuo bambino dalle punture di insetti, evita di utilizzare diffusori o prodotti repellenti da spruzzare direttamente sulla pelle (quelli con DEET sono sconsigliati fino ai 12 anni). Evita anche l’uso di prodotti profumati, poiché possono attirare gli insetti. La migliore prevenzione, specialmente nelle ore serali, consiste nell’utilizzare metodi di protezione, come zanzariere per culle e passeggini, e possibilmente anche alle finestre. In generale, è meglio evitare zone con una presenza elevata di insetti, come località lacustri o tropicali.

Family Hotel e villaggi specializzati per neonati

Moltissime famiglie con bambini piccoli scelgono la comodità di un appartamento per la loro prima vacanza con il neonato. Tuttavia, se desideri relax e coccole, puoi optare per un family hotel o un resort attrezzato per neonati. Troverai molti luoghi bellissimi in cui trascorrere le tue vacanze in famiglia con tutti i comfort necessari per il tuo piccolo.

Buona lettura e soprattutto buone vacanze!