🍟 AFFRONTARE L'OBESITÀ: MOLTE PROMO, INCONTRI E RISORSE GRATUITE >>> SCOPRI LE PROMO

Riforma canone RAI 2024: novità e dettagli della Legge di Bilancio

Riforma canone RAI 2024: novità e dettagli della Legge di Bilancio

Con l’entrata in vigore della Legge di Bilancio il 1° gennaio 2024, è stata introdotta la riforma del canone RAI, un passo significativo nel contesto delle modifiche legislative proposte dal Governo Meloni.

Uno dei cambiamenti più evidenti riguarda la riduzione del costo annuale del canone da 90 a 70 euro. Tuttavia, ci sono anche indicazioni che potrebbero interessare le modalità di pagamento nei prossimi mesi.

Costo ridotto: 70 euro annui dal 2024

Il fulcro della riforma è la significativa riduzione del canone RAI da 90 a 70 euro all’anno. Questo taglio rappresenta un primo passo nell’ambito delle modifiche del canone televisivo, e potrebbero esserci ulteriori cambiamenti nelle prossime settimane o mesi.

Possibili cambiamenti nelle modalità di pagamento

Nonostante la Legge di Bilancio abbia chiarito il nuovo importo, non sono state apportate modifiche alle modalità di pagamento fino a questo momento. Tuttavia, il Ministro dell’Economia, Giancarlo Giorgetti, ha suggerito in un’audizione del luglio 2023 che potrebbero essere in arrivo diverse ipotesi di riforma, soprattutto sulle modalità di versamento del canone.

Pertanto, anche se attualmente il pagamento avviene principalmente attraverso la bolletta dell’energia elettrica, non è escluso che nel corso del 2024 si verifichino cambiamenti significativi, come il passaggio al pagamento tramite bolletta telefonica mobile.

Come si paga il canone TV nel 2024

Al momento, la Legge di Bilancio 2024 non ha modificato le regole sulle modalità di pagamento del canone RAI. Per la maggior parte dei cittadini, l’addebito del canone avviene ancora attraverso la bolletta dell’energia elettrica.

 Per i pensionati che scelgono il pagamento diretto dalla pensione, le imprese elettriche e gli enti previdenziali si occuperanno di addebitare i nuovi importi ridotti. In alternativa, c’è la possibilità di versare il canone tramite modello F24 entro il 31 gennaio 2024.

Chi paga il canone RAI nel 2024

La platea di chi è tenuto al pagamento del canone RAI nel 2024 rimane invariata. Tutti coloro che sono intestatari di una fornitura di energia elettrica devono ancora adempiere all’obbligo di pagamento.

Esenzioni e regole invariate

Le esenzioni dal canone RAI, come ad esempio per coloro che hanno compiuto più di 75 anni o che possono dimostrare di non possedere un televisore, restano in vigore. Le regole che guidano il pagamento e le esenzioni rimangono fondamentalmente invariate rispetto agli anni precedenti.

Diktat dell’UE sulla riforma del canone RAI

La Commissione dell’Unione Europea ha posto alcune condizioni per l’ottenimento dei fondi previsti dal programma Next Generation EU, tra cui la rimozione del canone RAI dalla bolletta.

Nonostante ciò, la Legge di Bilancio 2024 ha concentrato le modifiche sul costo del canone, evitando di affrontare la questione del pagamento all’interno della bolletta. Il Ministro Giorgetti ha sottolineato la necessità di considerare nuovi modelli di finanziamento del servizio pubblico, prendendo in considerazione le esperienze di altri Paesi.

Entrata in vigore della riforma canone RAI

Questa riforma è già entrata in vigore il 1° gennaio 2024 con la pubblicazione della Legge di Bilancio. Tuttavia, con l’incertezza sulle possibili modifiche future, è consigliabile rimanere aggiornati su eventuali nuovi sviluppi che potrebbero emergere nel corso del 2024.

In conclusione, la riforma del canone RAI del 2024 ha apportato una riduzione del costo annuale, ma il quadro delle modalità di pagamento potrebbe subire ulteriori cambiamenti.

Resta da vedere come il governo affronterà le richieste dell’Unione Europea e se nuove proposte di modifica saranno avanzate nel corso dell’anno. Continueremo a tenervi aggiornati su eventuali sviluppi.

Leggi anche:

Prescrizione canone RAI: come evitare il pagamento degli arretrati

Esenzione canone RAI 2024: guida completa a moduli, ISEE e requisiti